Crea sito

Tecnologie autonome

Indichiamo come autonome quelle tecnologie che hanno un loro linguaggio, loro regole e un loro modo di operare; esse inoltre permettono di sviluppare esperienze, riferite al loro statuto, che altrimenti non sarebbe possibile svolgere e il cui valore non sta nel presentare, nel miglior modo possibile, la fruizione di mondi fittizi che realizzino il reale attraverso il digitale, ma nel costruire questi mondi.

.....................................
..............................................

5.1. Un metodo per creare con le tecnologie autonome

In Problemi, scopi e responsabilità della scienza (1996), Popper ci dice: “La mia concezione del metodo della scienza è semplicemente questa: esso sistematizza il metodo prescientifico dell’imparare dai nostri errori; lo sistematizza grazie allo strumento che si chiama discussione critica. Tutta la mia concezione del metodo scientifico si può riassumere dicendo che esso consiste in questi tre passi: inciampiamo in qualche problema; tentiamo di risolverlo, ad esempio, proponendo qualche nuova teoria; impariamo dai nostri sbagli, specialmente da quelli che ci sono resi presenti dalla discussione critica dei nostri tentativi di risoluzione. O, per dirla in tre parole: problemi-teorie-critiche. Credo che in queste tre parole, problemi-teorie-critiche, si possa riassumere tutto quanto il modo di procedere della scienza razionale” (Popper K.R, 1969, pag. 146, citato in Antiseri D., 2000, pag. 13).

...........................................
....................................................

Popper nega con forza che possa esistere un metodo induttivo. Scardina fin dalle basi il processo d’induzione: eccepisce che una legge possa essere inferita da una quantità di osservazioni, per di più con un procedimento meccanico. In pratica, non accetta che l’esperienza (l’osservazione) venga prima della teoria.

...........................................
....................................................

Attuando una modalità complementare a questa ora descritta, il docente potrebbe adottare il ruolo e i metodi di storiografo della scienza (Antiseri D., 2000).

...........................................
....................................................

Concludendo quanto esposto fino ad ora, possiamo, in definitiva, individuare due livelli nell’impiego delle tecnologie nella didattica:
un primo livello che prevede la realizzazione di artefatti (tecnologie autonome);
un secondo livello che prevede l’uso di artefatti già realizzati; questi vengono inseriti in percorsi didattici e utilizzati secondo proprie modalità (tecnologie come sostegno).
Vedremo in seguito quali potrebbero essere dei possibili percorsi in grado di esemplificare quanto fino ad ora detto e chiarire ulteriormente la distinzione fra uso delle tecnologie e produzione con le tecnologie.